Fingendosi escort ricattava gli uomini

Arrestato nella Capitale un giovane calabrese

Da anni estorceva denaro ai frequentatori di siti escort

Dopo aver creato profili di sexy escort con foto false e vari numeri di telefono su siti gratuiti di bakeca e altri similari perche’ tanto nessuno controlla la quantita’ di annunci che una persona puo’ fare idem dicasi per quello che viene mostrato, un giovane calabrese ricattava gli uomini che chiamavano per prendere appuntamenti.

Il tutto avveniva su whatsapp, raggiunto un certo numero di messaggi da parte dell’utente, il giovane calabrese autore degli stessi finti annunci, chiamava il cliente di turno dicendogli di essere il proprietario del sito appartenente al clan dei Casamonica, le finte ragazze escort erano le sue adepte e da li partivano le minacce, dicendo agli utenti di aver fatto perdere tempo alle signorine per aver detto stupidaggini e averle chiamate per nulla, per cui ecco che si doveva pagare il disturbo altrimenti sarebbero stati guai seri per lui, la sua famiglia sarebbe venuta a conoscenza del fatto ma non solo ed arrivato ad un certo punto intimoriva le persone dicendo loro: Hai visto il funerale di mio padre in televisione? allora ti giuro che vengo li e ti sparo!

Tutto questo e’ successo a Roma a partire dall’agosto 2015 fino ad arrivare nell’ultima settimana di Luglio 2017 quando il giovane calabrese viene arrestato dopo una serie di denunce fatte pervenire in modalita’ anonima ai Carabinieri della Trionfale e per questo caso si parla di una ventina di persone dichiarate che hanno subito questo ricatto, pagando cifre anche di 3 mila euro su poste pay, ma si pensa che ce ne siano tanti altri rimasti anonimi e quindi sconosciuti alle forze dell’ordine, i quali non hanno voluto esporsi per timore di venire scoperti dalle rispettive famiglie.

In ogni caso, possiamo aggiungere questa storia come una novita’ del settore per quanto riguarda le truffe che possono avvenire in internet, nessuno si sarebbe mai aspettato si potesse arrivare a tanto ma visto che siamo in Italia i vecchi sistemi non tramontano mai, daltronde siamo maestri per queste situazioni e ci sta sempre qualcuno che si inventa qualcosa anche usando la tecnologia ma che si rifa’ ad antiche usanze tipiche del bel paese o presunto tale cosi come viene denominato.

La conclusione per come abbiamo inteso la situazione e’ questa: la truffa rimane sempre dietro l’angolo in qualsiasi posto ed in qualsiasi luogo, ma se una persona vuole cercare una escort meglio che si affidi a portali sicuri e affidabili, dove per fare un annuncio bisogna richiederlo direttamente ai gestori e cosi facendo non si evita il fatto che chiunque possa mettere on line di tutto e di piu’ senza nessun controllo dedicandosi poi a truffare gli utenti, la differenza e’ proprio questa, vi pare?